L’angolo del Self: Il tempo è come un Brezel, non sbriciolare in giro di Riccardo Ranavolo, quando l’ironia si sposa con la fantasia

Oggi vogliamo farvi una segnalazione un po’ particolare per la nostra rubrica L’angolo del Self.
Parliamo di un romanzo insolito e divertente che però affonda le sue radici nella fantascienza classica, con qualche venatura di fantastico tradizionale, anche se il romanzo di tradizionale ha proprio poco, anzi potremmo azzardarci a dire che tra le righe pregne di ironia e fantasia, caratteristiche di Riccardo Ranavolo, questo scrittore sconosciuto (speriamo ancora per poco perché i lettori si perderebbero una penna veramente unica) emerge anche un graffiante umorismo che non risparmia di guardare una realtà (quella attuale?), invitando il lettore a far cadere i veli di ipocrisia e ingenuità che stanno coprendo i nostri occhi da troppo tempo.
Per cui il nostro consiglio a leggere Il tempo è come un brezel, non sbriciolare in giro è veramente sentito. Se avete voglia di una lettura ironica ma fantasiosa, che non dimentica però la realtà sfogliate le pagine di questo libro che si presta sia a una lettura approfondita dei suoi differenti strati che a una lettura leggera e di evasione per chi ha solo voglia di sorridere.
Il romanzo è disponibile su Amazon sia in formato ebook che in formato cartaceo. E noi restiamo in attesa di leggere il prossimo di questa penna che abbiamo scoperto per caso.

IL TEMPO È COME UN BREZEL, NON SBRICIOLARE IN GIRO
di Riccardo Ranavolo
ebook: € 0.99

cartaceo: € 9.98
genere: fantascienza/humor

Sinossi:
Mulinazzo è un essere metà uomo e metà verdura che ha imparato a cambiare il passato per evitare di diventare un passato di verdura.
Sull’astronave Agenorestus l’ufficiale scientifico (ma che é sempre andato meglio in Italiano) Speck trova i membri dell’equipaggio smontati.
Satif è un vecchio scienziato psichicamente instabile che da la caccia agli esseri della razza di Mulinazzo, l’uomo che, modificando il suo passato, gli ha rubato la vita. Sul pianeta Duranballé vige la dittatura di massa, un regime politico gestito tramite il pupazzetto Rino Dittatorino che dona il potere assoluto ad ogni singolo cittadino per un minuto. Giunto sul pianeta, Mulinazzo fa rapire il signor Angelo Cotrufo per prendere i soldi vinti alla lotteria e iniziare una facile scalata al potere aiutato dai parlamentari ai quali un cittadino ha tolto lo stipendio.

Lascia un commento

*